Voucher Regione Toscana per la Formazione Gratuita

finanzia la tua formazione con i voucher individuali

Per imprenditori, professionisti, lavoratori, disoccupati, inoccupati
e per chi vuole inserirsi nel mondo del lavoro

I cambiamenti tecnologici, organizzativi e sociali attuali richiedono di valorizzare e promuovere l’autonomia delle persone oltre che di aggiornare la professionalità in modo continuo.

Ormai tutti sono chiamati a formarsi, informarsi e a tenersi sempre aggiornati per essere competitivi nel mercato del lavoro.

E questo vale non solo per le aziende, ma anche i professionisti e per le persone.

I voucher della Regione Toscana

I voucher o buoni formativi sono uno strumento che la Regione Toscana utilizza per favorire la crescita e l’aggiornamento professionale.
L’obiettivo finale è infatti quello di aumentare la competitività e l’occupazione sull’intero territorio regionale. Per questi motivi, i voucher sono diretti a finanziare corsi di formazione e aggiornamento, sopratutto per chi non ha grandi disponibilità economiche.
In questo modo, i partecipanti possono conseguire gratuitamente le competenze o ricevere le attestazioni necessarie per il mondo del lavoro. I buoni formativi sono rivolti dunque a molte categorie di persone, sia occupate che disoccupate, compresi i professionisti e gli imprenditori.

Chi sono i destinatari dei voucher?

Ogni avviso voucher, indica i requisiti obbligatori necessari per poter presentare la domanda e accedere al finanziamento.

L’assenza anche di un solo requisito richiesto, impedisce l’accoglimento della domanda.

Questo voucher è riservato a disoccupati, inoccupati, disoccupati con NASPI o in mobilità che vogliono riqualificarsi e/o reinserirsi nel mondo del lavoro.

E’ però un avviso a sportello: questo significa che le domande saranno accolte fino ad esaurimento delle risorse economiche messe a disposizione dalla Regione.

Quali corsi si possono finanziare?

I corsi finanziabili devono essere o riconosciuti dalla Regione o corsi obbligatori perchè previsti da specifiche leggi. Anche le qualifiche biennali, come ad esempio il corso per Acconciatore Addetto, possono essere finanziate.

Per sapere quali sono i corsi riconosciuti vedi il Catalogo Regionale >>

Il bando per giovani professionisti permette di partecipare, a titolo gratuito, a corsi di formazione con l’obiettivo di puntare verso nuovi sbocchi professionali.

Quali requisiti sono necessari?

I requisiti obbligatori per poter presentare la domanda sono:

  • non aver compiuto 40 anni
  • essere residenti o domiciliati in Toscana
  • essere in possesso di partita IVA intestata esclusivamente a chi richiede il Voucher
  • iscrizione ad albi di ordini e collegi o ad associazioni di cui alla legge n. 4/2013 e /o alla legge regionale della Toscana n.73/2008
  • iscrizione alla Gestione Separata dell’INPS.
Il Bando è a sportello per cui le domande saranno accolte in base all’ordine di presentazione ma fino ad esaurimento delle risorse economiche messe a disposizione dalla Regione.

In questo caso, i destinatari del voucher sono i professionisti che hanno superato i 40 anni d’età. L’obiettivo è consentire un miglioramento delle loro competenze per acquisire maggiore competitività lavorativa.

Quali requisiti sono necessari?

I requisti obbligatori per presentare la domanda sono:

Anche in questo caso il Bando è a sportello per cui le domande saranno accolte in ordine di presentazione e fino ad esaurimento delle disponibilità economiche.

Questi voucher individuali sono rivolti ai Manager d’Azienda per partecipare gratuitamente a corsi diretti a rafforzare e aggiornare le competenze nell’ambito Industria 4.0.

In questo caso le domande hanno scadenze trimestrali.

Quali requisiti sono necessari?

Le domande di voucher possono essere presentate da Manager (dirigenti/quadri) delle imprese private,  che lavorano in unità produttive situate sul territorio regionale.

I requisiti obbligatori sono:

1 – prestare la propria attività lavorativa presso un’unità produttiva sita in Toscana

2 – essere inquadrati come dirigenti/quadri, con una delle seguenti tipologie contrattuali:

  • tempo indeterminato
  • tempo determinato
  • lavoro intermittente
  • contratto part-time
  • soci lavoratori iscritti nel Libro unico del lavoro
  • contratto di lavoro co.co.co.
  • lavoratori in cassa integrazione guadagni ordinaria o straordinaria.

La Regione Toscana finanzia anche l’aggiornamento professionale di imprenditori e professionisti che esercitano in forma associata la propria attività.

L’obiettivo è migliorare le scelte e saper cogliere le opportunità di crescita aziendale presenti sul mercato.

Con questo voucher sono finanziabili sia  corsi di formazione e di aggiornamento professionale che Master di I e II livello.

Se desideri parlare con noi

Telefono

0583 975085 - 0583 975059

Mail

segreteria@quec.net

Compila il nostro form

Per ricevere maggiori informazioni sui voucher regionali

I corsi da finanziare con i Voucher

Corsi di formazione per disoccupati

Vuoi sapere quali corsi riconosciuti puoi finanziare con i voucher per disoccupati della Regione Toscana?

I corsi su misura per Imprenditori e Manager

Vuoi sapere quali progetti possono essere finanziati con i voucher?

Richiedi informazioni sui voucher

PRIVACY

Ho preso visione della privacy policy e acconsento al trattamento dei dati personali per l'erogazione del servizio richiesto o della richiesta di informazioni. *

Vuoi essere aggiornato su contenuti, iniziative, eventi, corsi in partenza?

Sì, ho letto la privacy policy e acconsento al trattamento dei dati personali per l'invio di informazioni e promozioni dedicate. Il consenso può essere revocato in qualsiasi momento.

* Campi obbligatori

Perchè non utilizzare i fondi Interprofessionali per formare gratis i lavoratori?

Le imprese hanno a disposizione uno strumento importante per finanziare i corsi di formazione aziendale: i Fondi Interprofessionali.

Ogni impresa può aderire gratuitamente ad un Fondo Interprofessionale a sua scelta e finanziare con questo la formazione dei lavoratori.

I Fondi infatti dispongono di risorse economiche derivate dal contributo obbligatorio per la “disoccupazione involontaria” che tutte le aziende devono versare all’INPS. Se però un’impresa decide di aderire ad un Fondo, questo contributo viene destinato al Fondo prescelto anzichè all’INPS.

Ed il grande vantaggio è che così l’impresa recupera quanto ha già dovuto versare e può ri-utilizzarlo per finanziare i suoi corsi di formazione.