Lavorare come Buttafuori: serve un corso?

lavorare come buttafuori

L’Addetto ai Servizi di Controllo è ormai una figura professionale regolamentata per legge con  requisiti precisi, introdotti dal D.M. 6 ottobre 2009.

Per poter lavorare come Buttafuori è, oggi, necessario anche un Attestato che si ottiene partecipando ad un corso di formazione riconosciuto dalla Regione.

Quindi insieme agli altri requisiti previsti dal D.M. del 2009, anche la frequenza al corso è diventata obbligatoria.

Il corso e il programma

Ma in cosa consiste questo corso di formazione?

Il corso per Addetti ai Servizi di Controllo ha durata di 90 ore, con obbligo di frequenza di almeno il 90% delle ore previste, ed è sempre riconosciuto dalla Regione.

Questo significa che sono validi solo i corsi di formazione promossi dalle Agenzie Formative riconosciute dalla Regione.

Con il corso si acquisiscono le conoscenze di base sulle norme penali e amministrative, sulle tecniche di comunicazione ma anche le principali nozioni di primo soccorso e antincendio.

L’art. 3 del D.M. del 2009, elenca i contenuti del corso, suddividendoli in 3 aree:

1 – Giuridica,  in cui vengono trattati aspetti legati a:

  • l’ordine e la sicurezza pubblica;
  • i compiti delle Forze di Polizia;
  • le disposizioni che disciplinano le attività di intrattenimento di pubblico spettacolo e di pubblico esercizio.

2 – Tecnica, dove vengono approfondite le norme in materia di prevenzione incendi, di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro e anche di primo soccorso sanitario;

3 – Psicologico – sociale, dove vengono approfondite:

  • la capacità di concentrazione, di autocontrollo e di contatto con il pubblico;
  • la capacità di adeguata comunicazione verbale;
  • la consapevolezza del proprio ruolo professionale; 
  • l’orientamento al servizio e alla comunicazione anche in relazione alla presenza di persone diversamente abili.

Al termine del corso è previsto un esame per verificare se gli argomenti trattati durante il corso sono stati ben compresi dai futuri Buttafuori.

Quali requisiti servono per iscriversi al corso?

Per il corso, sono richiesti requisiti ben precisi:
1 – Aver compiuto almeno 18 anni;
2 – Il diploma di scuola media inferiore (licenza terza media). Chi ha conseguito il titolo di studio all’estero, deve presentare la Dichiarazione di Valore per attestare il livello di scolarizzazione raggiunto.
3 – Per gli stranieri, è obbligatoria una buona conoscenza della lingua italiana orale e scritta per poter così partecipare attivamente alla formazione.

In cosa consiste l'esame finale?

Chi ha frequentato almeno il 90% delle ore di lezione, è ammesso all’esame finale che, generalmente, prevede:

  • Una prova scritta, con domande a risposta chiusa e a risposta aperta;
  • Un colloquio individuale sugli argomenti oggetto del corso.

Superato l’esame finale, sarà rilasciato dalla Regione l’Attestato di Frequenza del corso.