Fonditalia: un vantaggio per le piccole imprese

conto rete fonditalia

E’ ormai risaputo che le imprese possono autorizzare l’INPS a trasferire lo 0,30% dei contributi versati per i lavoratori ai Fondi Interprofessionali. Le somme così ricevute vengono poi utilizzate dai Fondi per finanziare la formazione dei lavoratori.

Esistono molti Fondi Interprofessionali e anche diversi strumenti per finanziare i fabbisogni formativi aziendali.

Fonditalia offre una delle soluzioni, a nostro avviso, più vantaggiose per le Micro e Piccole imprese: il conto di rete. Uno strumento efficace sopratutto per quelle realtà che non dispongono di un Conto Formazione esclusivo dove accantonare cifre importanti per la formazione.

Il conto formativo e il conto di rete

Per capire meglio, possiamo fare un confronto con uno strumento offerto da tutti i  Fondi Interprofessionali: il Conto Formativo Aziendale (CFA).

Il Conto Formativo Aziendale è una scelta tipica delle imprese medio – grandi che consente loro di accantonare su un Conto Monoaziendale lo 0,30% dei contributi. Ogni impresa può puoi disporre delle somme accantonate per finanziare i corsi di formazione programmati.

Con il Conto di Rete, Fonditalia consente a tante piccole/medie imprese di “unirsi” per ottenere un Conto unico, moltiplicando così le risorse economiche disponibili per fare formazione anche gratuitamente.

Le piccole e medie imprese possono quindi scegliere di far confluire il loro gettito in un unico conto formativo.

Sarà poi il titolare del Conto di Rete a svolgere le attività organizzative e l’analisi dei fabbisogni trasversali.

Cosa ottiene una impresa da Fonditalia?

L’impresa che sceglie questo strumento, sceglie sicuramente una gestione semplice e snella, riduce gli aggravi “burocratici” e può fare formazione finanziata tutto l’anno, quando ne ha veramente bisogno.

Può anche finanziare, in modo continuativo, la formazione obbligatoria che è invece esclusa dagli Avvisi che i Fondi pubblicano periodicamente.

Riassumendo, l’adesione al conto di rete consente:

  • Analisi di fabbisogno formativo annuale e modificabile;
  • Corsi di formazione a costi minori o gratuiti;
  • Contributi disponibili annualmente;
  • Formazione obbligatoria compresa;
  • Nessun anticipo sul costo totale della formazione. Nel caso di costo agevolato, l’azienda sostiene solamente il costo residuo al netto del contributo da parte del fondo.
  • Il Fondo gestisce direttamente i rapporti con le parti sociali
  • Tutte le pratiche/attività con il Fondo svolte da QUEC.