Aggiornamento RLS fino a 15 lavoratori: è obbligatorio?

Partiamo dalla definizione di RLS.
 Il Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza è definito dal D.Lgs. 81/08 come la “persona eletta o designata per rappresentare i lavoratori per quanto concerne gli aspetti della salute e della sicurezza sul lavoro”.

E sempre il Testo Unico indica le diverse modalità di scelta del RLS nelle aziende. Le modalità sono sostanzialmente legate alle dimensioni dell’impresa.
Fino a 15 lavoratori,  il Rappresentante per la sicurezza (RLS) è eletto direttamente dai lavoratori o individuato nell’ambito territoriale (RLST) o di comparto produttivo.

Sopra i 15 lavoratori, è eletto o designato nell’ambito delle rappresentanze sindacali aziendali.

Formazione e aggiornamento per il RLS

Il Rappresentante dei lavoratori ha diritto ad una formazione particolare sui rischi specifici e, nell’articolo 37, D.Lgs. 81/08 e s.m.i, si fissano durata e contenuti minimi salvo rinviare alla contrattazione collettiva su modalità, durata e contenuti specifici.

Anche le modalità di aggiornamento sono regolamentate dalla contrattazione collettiva. Nel D.Lgs. 81/08, infatti, troviamo solo il riferimento alla durata minima di questo aggiornamento che viene suddiviso in:

  • imprese da 15  a 50 lavoratori = 4 ore 
  • imprese da più di 50 lavoratori = 8 ore 
L’aggiornamento è annuale. 

Nell’art. 37, D.Lgs. 81/08, però manca un chiaro riferimento all’aggiornamento per RLS di aziende sotto 15 lavoratori.
E allora cosa fare?

Aziende sotto 15 lavoratori: aggiornamento si o no?

Per le aziende sotto 15 lavoratori, il fatto che D.Lgs. 81/08 e s.m.i. non abbia previsto un preciso obbligo di aggiornamento è stato interpretato da alcuni come una esclusione. Non obbligatorio allora non necessario.

Date le diverse interpretazioni possibili su questa mancata indicazione, possiamo fare riferimento alla FAQ Ministeriale del 19 aprile 2010 che risponde ad un quesito proprio su questo argomento.

Nella FAQ si legge che “tutte le aziende, indipendentemente dal numero di lavoratori occupati, sono tenute a ripetere la formazione (…) al verificarsi dei presupposti sopra indicati” ossia l’evoluzione dei rischi o l’insorgenza di nuovi rischi.

Questo perché, dice la FAQ, la formazione deve essere adeguata ed efficace rispetto ai rischi presenti nel contesto di lavoro e nel caso del RLS, deve garantire un efficace svolgimento delle sue attività.

Sulla base di queste motivazioni, possiamo ritenere che anche per il RLS di imprese sotto 15 lavoratori, l’aggiornamento annuale, pur se non obbligatorio, sia sicuramente necessario per poter garantire al Rappresentante dei lavoratori un efficace svolgimento delle sue attività.

Scarica - Faq Ministeriale 19 aprile 2010

Obbligo di aggiornamento periodico del RLS nelle imprese fino a 15 lavoratori