comunicazione efficace

Cosa vuol dire comunicazione efficace?

Scopriamo quali sono le tecniche e le modalità per avere una comunicazione veramente efficace.

Comunicare efficacemente significa comprendersi reciprocamente e totalmente. É una frase che, nella realtà, non è poi così scontata.

Le scienze della comunicazione hanno infatti dimostrato che durante la comunicazione, le persone hanno la tendenza a selezionare solo gli elementi che sono per loro più interessanti. Ma, soprattutto, ricordano circa un quarto di tutto ciò che viene detto.

In altre parole, il 75% del contenuto di una comunicazione viene perso o “reinterpretato” in base a fattori soggettivi.
Questo dato ci dà l’idea di quanto sia difficile comunicare ossia avere una vera comprensione reciproca tra 2 o più interlocutori.

La ragione è dovuta sia alla memoria (a breve termine) ed ai suoi limiti di contenuto e di tempo sia alla cognizione e alle sue unità di pensiero o schemi cognitivi.

 

Indice degli argomenti

Comunicazione efficace: le mappe mentali

Esempio di mappa mentale preso dalla pagina di Wikipedia.

Alcuni studiosi chiamano questi schemi mappe mentali ossia rappresentazioni soggettive, parziali e selettive della realtà. Ogni individuo crea nella propria mente la rappresentazione degli eventi della vita quotidiana.

Per questa ragione, ogni persona che interagisce in una comunicazione o assiste ad un evento di vita reale crea mappe mentali diverse.

Quando si comunica, infatti, i messaggi vengono rielaborati dall’interlocutore attraverso un processo che fa prevalere alcune informazioni su altre. Questo porta ad un significato del messaggio del tutto personale e soggettivo perché basato unicamente sulla mappa mentale dell’interlocutore e del suo modo di vedere il mondo.

Se manca una corretta gestione della comunicazione è facile che sorgano conflitti sempre più marcati. E’ pertanto importante sapere come prevenire le incomprensioni, le tensioni o le piccole divergenze. 

 

I 2 punti fondamentali di una comunicazione efficace

Cosa serve per comunicare efficacemente?

1 – Ascolto attivo


Ascoltare in modo attivo ossia saper ricostruire il vero significato del messaggio dell’interlocutore. E questo è possibile solo con il giusto atteggiamento ma anche attraverso le domande, le richieste di spiegazione ed i chiarimenti.
Quindi attraverso un dialogo attivo dove c’è volontà di comprendere il messaggio nel rispetto dell’altro e del suo modo di porsi e proporsi.
Il silenzio infatti non aiuta la comunicazione perché viene solitamente interpretato sulla base delle ‘mappe mentali’ (le interpretazioni) e non su ciò che veramente l’altro intende.

Saper ascoltare quindi vuol dire:

  1. Interagire, ossia ascoltare facendo domande; ma anche invitare e incoraggiare l’altro a parlare e fare riepiloghi.
  2. Dare Feedback: ossia dare segnali da cui l’interlocutore può capire che siamo attenti e interessati a ciò che dice.
  3. Mettersi dal punto di vista dell’altro in modo da capire il suo modo di vedere e pensare.
  4. Riformulare, ossia restituire all’altro, con parole diverse, il suo stesso messaggio.

 

2 – Saper comunicare


Saper comunicare  vuol dire perciò adattarsi all’atteggiamento dell’interlocutore, al suo modo di parlare, ai suoi tempi, al suo tono e al suo volume di voce.
Un buon comunicatore deve:

  1. Essere flessibile. Ogni persona è diversa dall’altra e un buon comunicatore deve capire chi ha davanti;
  2. Usare un linguaggio comprensibile perché i linguaggi NON comprensibili allontanano l’interlocutore;
  3. Sapere quali sono i canali sensoriali dell’interlocutore: visivi, uditivi o cenestetici;
  4. Richiedere feedback, attraverso domande quali “Mi sono spiegato bene”, “è chiaro quello che ho detto?”, “sto andando troppo veloce?”;
  5. Usare mezzi visivi. Per comunicare meglio è più utile far vedere le cose piuttosto che parlare delle cose;
  6. Essere assertivo, ossia saper riconoscere le proprie emozioni, i propri bisogni ed i propri valori;
  7. Parlare al positivo.

Saper gestire la comunicazione  quindi significa saper gestire i conflitti che possono sorgere nei rapporti interpersonali. Conoscendo le regole del dialogo e dell’ascolto si evita di cadere su ostacoli, incomprensioni o tensioni. E si ottengono, ovviamente, ottimi risultati sia nel lavoro che nelle relazioni interpersonali.