Finanziamenti e Bandi per le Imprese

Finanziamenti e Bandi per le Imprese

Finanziamenti e piccola impresa: una opportunità

I finanziamenti e i bandi per agevolare lo sviluppo delle PMI e dei professionisti.

Uno dei bisogni più diffusi tra le imprese è potersi rinnovare per essere sempre al passo o, meglio, anticipare i rapidi cambiamenti del mercato e delle richieste dei clienti.

Bisogni simili sono ormai avvertiti anche nel lavoro professionale. Ossia nel settore che forse ha più  risentito la crisi e che sta cambiando verso modelli lavorativi più strutturati.
 
Per innovarsi e crescere occorrono spesso investimenti economici anche importanti, non sempre interamente sostenibili con le risorse disponibili.
 
E per questo motivo che, a volte, è necessario ricorrere a finanziamenti diretti proprio ad agevolare le innovazioni e i cambiamenti aziendali desiderati.
 
Da una normale ricerca sul web, compaiono tante opportunità che un imprenditore può valutare. I finanziamenti per le  piccole imprese e i professionisti sono, infatti, molti sia a livello nazionale che a livello regionale.
Come scegliere il finanziamento giusto? E’ possibile fare tutto da soli?

Finanziamenti per l’innovazione: un esempio regionale

Partiamo da un esempio: i finanziamenti disponibili per le imprese della regione Toscana.

Tra le priorità di sviluppo regionale, rientra proprio la crescita della competitività delle aziende locali. Perchè da essa deriva la crescita complessiva dell’economia e l’incremento dei posti di lavoro sul territorio.

Per raggiungere questi obiettivi, la Regione ha individuato più strumenti che hanno lo scopo di incentivare e sviluppare le risorse imprenditoriali locali.

Il Bando “Sostegno alle MPMI per l’acquisizione di servizi per l’innovazione” ha proprio queste finalità. Quella di finanziare progetti per acquisire servizi avanzati e qualificati, individuati nel Catalogo dei servizi per le imprese toscane.

I progetti devono essere legati a priorità tecnologiche orizzontali, indicate dalla “Smart Specialisation in Toscana”:

  • ICT e FOTONICA
  • FABBRICA INTELLIGENTE
  • CHIMICA e NANOTECNOLOGIA

E comunque l’investimento finanziabile non potrà essere inferiore a €15.000,00 per arrivare fino ad massimo di € 100.000,00.

Il finanziamento verrà concesso in forma di voucher, ….

Siamo di fronte ad interventi rilevanti dal punto di vista economico, sopratutto per le piccole imprese che potranno in questo modo crescere, ma con un “supporto” finanziario importante.

Un bando interessante, quindi, ma anche complesso perchè richiede una importante attività di supporto (anche cartaceo) e una profonda analisi della azienda. Oltre che il coinvolgimento di varie figure esterne specializzate (come il revisore dei conti).

La domanda che viene spontanea è: vale la pena utilizzare questi canali di finanziamento? O il cammino da fare è troppo complesso per una piccola impresa?

 

Come ottenere una agevolazione o un finanziamento a fondo perduto

Conoscere l’esistenza di un finanziamento a fondo perduto è sicuramente una grande opportunità per un’impresa che vuole fare nuovi investimenti.
 
Ma i passaggi per ottenerlo a volte richiedono una esperienza e delle conoscenze specifiche di cui non tutti dispongono.

 

Fare ricerche del bando più adeguato o capire se un progetto è effettivamente finanziabile, richiede molto tempo e in alcuni casi non porta poi ai risultati sperati.

Valutare prima e attuare poi le agevolazioni e i finanziamenti disponibili con il supporto di professionisti esperti è forse una strada più semplice.

Una risposta.

  1. Hi, this is a comment.
    To get started with moderating, editing, and deleting comments, please visit the Comments screen in the dashboard.
    Commenter avatars come from Gravatar.

I commenti sono chiusi.